2022/05/07

Il momento di aprire gli occhi è ora. Dopo non ci sarà più tempo.


In questo periodo che possiamo definire unico, che ci lascia tutti sicuramente stupiti e arrabbiati per la sua crudezza per molti inimmaginabile fino a pochi anni fa e che adesso ci mette a dura prova, c'è necessità assoluta di rimanere lucidi, ben stabili interiormente, sani nel corpo, sereni e centrati nell'animo, liberati da eccessiva tensione,   dalla  paura, svuotati da macigni interiori, sgombri nella mente da giudizi, pregiudizi, condizionamenti, rancori, sgombri da risentimenti, rabbia e resistenze
per essere pronti, 
in tal modo, ad osservare il mondo intorno in modo attento ed obiettivo. 

Andare Oltre Blog nutrire lo spirito

Impensabile per noi ciò che sta accadendo in questo periodo assurdo, particolare e terribile, era lontano da noi questo scenario in quegli anni in cui vivevamo contestando, si, aspetti della società che non ritenevamo apprezzabili ma in cui scivolavamo più sereni e fiduciosi. 

Era la nostra vita quella.

Capita anche a voi ? ad esempio, di rivedere ora le foto scattate con gli amici o altre persone con cui vivevamo momenti di armonia e gioioso piacere, rivivere quei sorrisi spontanei e tranquilli,...sembrano immagini da un altro mondo, di un'era lontanissima.  A me provocano vero dolore

ma ciò non vuole dire soccombere a questa "mutazione".  Al contrario è necessario reagire ed attrezzarsi  per uscirne,  INIZIANDO DA NOI STESSI.
Sicuramente non per tornare a quello che era prima ma ritrovare il sorriso, la nostra serenità, soprattutto la tutela delle nostre vite e dei nostri diritti,  quello si. 

E Valentina Bennati, naturopata e giornalista specializzata in tematiche di salute, illustra perfettamente questo primo compito che abbiamo da svolgere, ognuno di noi per noi stessi, per le persone a cui teniamo molto, per quelle che si avvicinano a noi adesso chiedendoci anche silenziosamente un supporto e per il compito sociale che ognuno intende svolgere.  

***

"C’è bisogno di avere chiarezza interiore ed essere forti mentalmente in una situazione sempre più pesante per molti aspetti.

C’è bisogno di ricaricare le pile e nutrire lo spirito per poter trovare la giusta ispirazione, 

distinguere la verità dalla menzogna, 

sapere cosa dire e come dirlo, quando tacere, 

se agire e, se sì, in che maniera e in quale momento.

Ritagliarsi ogni giorno un piccolo spazio di tempo, bastano anche 15 minuti, PER STARE IN SILENZIO e pregare, meditare, leggere – magari in mezzo alla natura – aiuta tantissimo.

Perché, in questo clima sempre più avvelenato, la ferocia verbale sta raggiungendo livelli insostenibili e sembra quasi che si stiano volutamente alzando i toni per arrivare allo scontro fisico e poi, da lì, a chissà quali altri drammatici scenari.

Il silenzio aiuta a ritrovare la pace interiore, serve a svuotarsi dai suoni persistenti e dalle parole gravi dei nostri giorni che riempiono la testa fino ad immobilizzare ogni pensiero positivo.

E’ necessario per raccogliere le energie e poi ripartire con una visione più chiara della realtà e più determinazione.

Ognuno di noi è indispensabile nel disegno dell’Universo in questi tempi storici così difficili. “Novaxx” e “covidiotii” sono solo nomi insultanti che vengono usati per dividerci e politici e  giornalisti hanno una grande responsabilità circa la piega folle che sta prendendo questa società.

In realtà il punto che dovrebbe interessare tutti è la libertà senza la quale non può esserci Scienza, né Politica, né Informazione, né Salute.

Anche se siamo minacciati, sotto pressione o pesantemente condizionati ricordiamoci che nessuno può decidere al posto nostro. Nessuno può costringerci a fare qualcosa contro la nostra volontà, a meno che non siamo noi stessi a permetterlo.

La vita è sacra e le strade che decidiamo di percorrere alla fine dipendono solo da noi.
Perciò sforziamoci, pur tra difficoltà e interferenze, di rimanere noi i capitani della nostra nave senza farci distogliere dalla nostra centratura interiore perché salute e felicità non capitano per caso, ma sono un qualcosa che solo noi stessi possiamo coltivare.

Il momento di aprire gli occhi è ora. Dopo non ci sarà più tempo.

L’ombra indietreggia quando accendiamo una luce.

Dipende sempre da noi e non dalle circostanze esterne.

Valentina Bennati, naturopata e giornalista specializzata in tematiche di salute

 https://valentinabennati.it/15-minuti-ogni-giorno/


*§*




Nessun commento: